Vai al contenuto
Home » REPA: il miglior intervento mininvasivo per la cura della diastasi dei retti

REPA: il miglior intervento mininvasivo per la cura della diastasi dei retti

Non siamo noi che lo diciamo: sono le linee guida per il trattamento della diastasi dei retti pubblicate dalla European Hernia Society e dalla Sociedad Hispanoamericana de Hernia, le due principali società europee che si occupano di chirurgia della parete addominale.

In particolare, la European Hernia Society ha stabilito che “a mesh-based repair of RD with concomitant midline hernias is suggested” e che “the endoscopic subcutaneous dissection followed by linea alba plication with an onlay mesh was the most reported technique”: ovvero, che per riparare una diastasi con associata ernia della linea media (oltre il 98% dei casi di diastasi) è suggerito l’uso di una rete e che la REPA (o SCOLA) è la tecnica più utilizzata.

Link alle linee guida della European Hernia Society

La Sociedad Hispanoamericana de Hernia, d’altro canto, nelle sue linee guida sul trattamento della diastasi scrive: “el abordaje endoscópico es aconsejable, excepto cuando se precise una abdominoplastia (consenso: 100 %; grado C). La técnica REPA se socia con mejores resultados respecto a las opciones miniinvasivas o mixtas“. Cioè, consiglia l’approccio endoscopico per la cura della diastasi, a meno che non sia necessaria un’addominoplastica, e riconosce che la REPA consente di ottenere risultati migliori rispetto alle altre tecniche mininvasive.

Link alle linee guida della SoHAH

diastasi dei retti, diastasi addominale, chirurgia endoscopica, chirurgia laparoscopica, addominoplastica, linee guida, REPA, SCOLA
it_ITItaliano
Powered by TranslatePress